I peeling non sono tutti uguali. Una differenza affatto banale, in quanto spesso si usano come sinonimi parole che hanno valenze diverse. Tutti gli esfolianti sono accumunati dall’obiettivo: affinare la pelle per renderla più luminosa e levigata. Differiscono, invece, per il meccanismo d’azione e l’utilizzatore.

Ci sono infatti quelli usati da dermatologi, medici estetici e chirurghi plastici per rinnovare la pelle, eliminando rughe sottili e rendendo la cute più tonica a turgida.


Il peeling è la sostituzione del tessuto invecchiato con uno più sano e meno danneggiato, ossia un ringiovanimento globale della pelle


In questo caso il peeling è una forma accelerata e controllata di esfoliazione indotta dall’uso di una o più sostanze chimiche caustiche applicate sulla pelle.

Ciò provoca, in base all’agente utilizzato, alla sua concentrazione e al tempo di applicazione, una parziale o totale distruzione dell’epidermide.

L’effetto è la stimolazione del turnover dell’epidermide, attraverso l’asportazione dello strato corneo, e, contemporaneamente, l’induzione a livello dermico di neosintesi di collagene.

Il risultato è la sostituzione del tessuto invecchiato con uno più sano e meno danneggiato, ossia un ringiovanimento globale della pelle. La scelta del peeling è determinata dalle esigenze del paziente, dall’inestetismo da trattare e dal fototipo cutaneo.

I peeling si possono classificare in molto superficiali, superficiali, medi, profondi, combinati, a seconda dello specifico strato cutaneo in cui vanno ad agire e degli effetti che si desidera ottenere.


Perché applicare una maschera se si esfolia regolarmente la pelle?

L’esfoliazione elimina le cellule devitalizzate e migliora l’aspetto dell’epidermide. La maschera, invece, è un elisir riequilibrante che ridona splendore, morbidezza e tonicità, in base alle esigenze della pelle. Più efficace dopo un’esfoliazione, la maschera rafforza l’azione della crema giorno o notte applicata successivamente


I primi due sono anche definiti ‘peeling socializzanti’, in quanto consentono una ripresa immediata delle attività lavorative e sociali.

Le sostanze più utilizzate sono acido glicolico in varie concentrazioni, acido salicilico, TCA (acido tricloroacetico) a una concentrazione tra il 10 e il 20%, soluzione di Jessner (una miscela di agenti caustici, tra cui resorcina, acido salicilico, acido lattico)

I peeling molto superficiali, superficiali e combinati vengono effettuati in ambulatorio in cicli di più sedute distanziate di 7-15 giorni. Ed è possibile fare questi cicli anche due volte l’anno. I peeling combinati mirano a produrre peeling più profondi ed effetti duraturi con minori complicanze.

Invece, un peeling medio o profondo è più indicato in presenza di pelle molto danneggiata da foto e crono-aging, con rughe e solchi piuttosto profondi e discromie diffuse. Richiedono però un periodo di “degenza” a casa ovvero una limitazione di vita sciale, periodo in cui si completa l’esfoliazione cutanea che risulta molto più marcata.

Per un peeling di media profondità si utilizza TCA dal 35 al 50% con o senza una sostanza cheratolitica, tra cui acido glicolico, acido piruvico, fenolo o soluzione di Jessner.

I peeling permettono di trattare anche rughe fini e superficiali, nonché la pelle “segnata” e spenta di mani e braccia, dorso e décolleté.

Tutti i peeling medico-estetici richiedono attente e meticolose cure post-trattamento: la non esposizione al sole fino a guarigione avvenuta quindi l’uso di filtri solari alti, di creme molto emollienti e di prodotti a base di alfa-idrossiacidi per uso domiciliare.

La cosmesi è più dolce…

In cosmetica si usano diversi leviganti con differenti meccanismi d’azione.

Chimici (il retinolo e alfa-idrossiacidi come acido glicolico, lattico, citrico), che indeboliscono i legami tra le cellule, favoriscono l’esfoliazione e accelerano il turnover epidermico.

Fisici (microgranuli di guscio di noce, di nocciolo di pesca, di albicocca, di mandorla o di tutolo di pannocchia), che determinano una microdermoabrasione di tipo meccanico.

 


Grown Alchemist | Enzyme Facial Exfoliant Papain & Amino Complex

un peeling esfoliante che rimuove le cellule morte presenti nel viso, con delicatezza, migliorando l'incarnato. Perfetto per le pelli sensibili, il peeling enzimatico attenua le rughe sottili, regalando luminosità ed elasticità. Ciò grazie alla Papaina che svolge una potente azione anti-age contro i radicali liberi e l'Amino Complex ricco di arginina, vitamina B6 e zinco. Nutrizione e pulizia profonda della pelle sono garantite in un solo gesto, preparando l'epidermide ad assimilare i successivi trattamenti


Enzimatici. Si sfrutta l’azione degli enzimi derivati principalmente dalla frutta ed agendo in maniera superficiale non irrita  ed è quindi indicato per le pelli più sensibili. Ad esempio Enzyme Facial Exfoliant Papain & Amino Complex di Grown Alchemist è un peeling enzimatico, perfetto per pelle sensibile, attenua le rughe sottili, regalando luminosità ed elasticità. Tra gli ingredienti attivi, la papaina, potente anti-age e anti radicali liberi, e l'amino complex, con arginina, vitamina B6 e zinco. Garantisce una pulizia profonda della pelle, incentivando l’assimilazione dei trattamenti successivi.

-  Per gli scrub si usano granuli naturali, tra cui legumi tritati, nocciolo di albicocca, sali marini, mentre per i gommage si utilizzano granuli semi sintetici, come quelli di olio di jojoba idrogenato, che apportano un’esfoliazione graduale, in quanto tendono a disfarsi con l’aumentare della frizione del massaggio.


3LAB | Perfect Cleansing Scrub

3LAB Perfect Cleansing Scrub è un trattamento ad azione esfoliante e lenitiva, che rimuove delicatamente le cellule morte della pelle, le impurità che si depositano su di essa, liberando i pori e contribuendo ad ossigenare i tessuti. L'olio di Jojoba e oli essenziali di agrumi, nutrono l'epidermide e la idratano, prevenendo le irritazioni, lasciando la cute morbida e liscia. Un peeling viso ideale da usare tutti i giorni, al posto del normale detergente, per avere sempre un aspetto fresco e giovane. Lo scrub è indicato per tutti i tipi di pelle, anche le più sensibili


-  Ne è un esempio Perfect Cleansing Scrub di 3LAB: un trattamento esfoliante e lenitivo che rimuove delicatamente cellule devitalizzate e impurità, liberando i pori e contribuendo a ossigenare i tessuti. Invece il suo potere lenitivo è dato da olio di jojoba e oli essenziali di agrumi, che prevengono le irritazioni, nutrendo e idratando la pelle che diviene morbida e liscia. Un peeling viso ideale da usare anche tutti i giorni, al posto del normale detergente, per conservare una pelle fresca e un incarnato radioso.

-  Infine, sempre per i prodotti da ‘gommare’ (ossia con un’azione simile a quando si toglie della colla da una superficie), si utilizzano granuli sintetici: sferette di polietilene o poliammidiche, più o meno morbide o arrotondate, così da offrire un’abrasività controllata. Oggi, però, si tende a non usarli più per salvaguardare la salute dei pesci del mare e, di riflesso, anche la nostra di cui ce ne cibiamo.


Per Purr | Salts Selection Exfoliant

Una miscela accuratamente selezionata di tre sali: il Sale Rosa, estratto da un sedimento antico 250 milioni di anni nell'Himalaya; il Sale del Mar Morto e il Sale di Epsom, tutti ricchi di minerali salutari per la pelle. Miscelati opportunamente permettono di ottenere un'esfoliazione tonificante ed efficace. Il suo caratteristico colore rosa deriva dall’alto contenuto di ferro, potassio e magnesio - minerali vitali per il mantenimento della salute. La formula include anche l’olio di mandorle dolci, un balsamo che aiuta l'elasticità della pelle


Quando e in quali casi?

A differenza dei peeling di competenza medica, gommage e scrub, in gel o in crema, svolgono un’azione superficiale particolarmente indicata per pelli sensibili oppure grasse e spesse.

  • Su pelli senescenti e spente, miste, asfittiche e disidratate, servono a rendere la cute più luminosa e a favorire una pigmentazione più omogenea.
  • Per pelli da secche a molto secche, le formulazioni prevedono anche l’uso di cristalli di sali abbinati a oli vegetali, che ‘ammorbidiscono’ l’azione dei primi, nutrendo gli strati cutanei superficiali.
  • In tutti i casi, scrub e gommage sono perfetti per migliorare l’assorbimento cutaneo dei principi attivi contenuti nei cosmetici. Indispensabili prima di specialità ‘urto’ che rispondono a problemi specifici, come quelle per seno, cellulite o smagliature, sono indicati altresì prima di un’esposizione solare, per rendere l’abbronzatura più uniforme, oppure dopo, per mantenere il colore omogeneo e brillante.

 


APA Beauty | Lip Loofah

Questo delicato scrub labbra con zucchero e semi di mandorla dolce regala in pochi gesti labbra più levigate e dall'aspetto più sano. Olio di jojoba, burro di karitè e scorza d'arancia idratano la tua bocca e aiutano a mantenerla protetta durante il giorno. Applicare una piccola dose di balsamo direttamente sulle labbra, massaggiare delicatamente con movimenti circolari, sia sul vermiglio che sulla zona periorale e rimuovere con una spugnetta e con acqua tiepida


Come preparare la pelle ai cambi di stagione?

Prima o poi arriverà la primavera. E con il suo arrivo anche le pelle ha bisogno di togliersi di dosso i residui della secchezza invernale.

Quale routine cosmetica utilizzare?

Si può aumentare la frequenza dei gommage, applicando una maschera a giorni alterni, ad esempio al mattino durante la colazione.

Attivando la rigenerazione cellulare, tra l’altro, gommage e scrub stimolano anche le ghiandole sebacee e, quindi, contrastano la secchezza cutanea.

La frequenza ideale?

Due o tre volte la settimana. Su pelle grassa, invece, è sufficiente 1 volta per non stimolare ulteriormente le ghiandole sebacee, già iperattive. Se la pelle è matura e sensibile, meglio una crema gommante delicata o un peeling enzimatico.

Perché applicare una maschera se si esfolia regolarmente la pelle?

L’esfoliazione elimina le cellule devitalizzate e migliora l’aspetto dell’epidermide. La maschera, invece, è un elisir riequilibrante che ridona splendore, morbidezza e tonicità, in base alle esigenze della pelle. Più efficace dopo un’esfoliazione, la maschera rafforza l’azione della crema giorno o notte applicata successivamente.


Verso | Intense Facial Mask

Una maschera facciale idratante con Retinolo 8 che rigenera in profondità la pelle del viso, migliorando la stabilita della cute e minimizzando i segni dell'invecchiamento. Il Retinolo 8 compie il processo di ringiovanimento con un meccanismo superiore promuovendo la naturale produzione di Collagene della pelle. Formulata senza solfati, coloranti sintetici, Ftalati, OGM o Triclosan