Ti sei mai chiesta quante volte sorridi in una giornata? Sorridere fa bene, lo ricorda anche la “Giornata del Sorriso” di ottobre, che incoraggia atti di gentilezza, e al contempo i benefici che se ne ricavano, attenuazione dello stress e miglioramento dei livelli di umore e pressione sanguigna, che si possono godere sia nella vita privata che lavorativa.  

Il World Smile Day nasce nel 1999 per volere di Harvey Ball, creatore del celebre ‘Smile’ giallo nel 1963, per promuovere (almeno un giorno all’anno) un gesto di gentilezza.

E le ricerche attestano che basta uno smile per alleggerire l’umore. Secondo i ricercatori dell’Australian’s Flinders University l’attività cerebrale innescata dall’osservazione della ‘faccina contenta’ è equiparabile a quella attivata in chi vede un sorriso reale in un volto umano.

Persino un sorriso non autentico può giovare. Uno studio pubblicato nel 2012 su Psychological Sciences attesta gli effetti positivi che derivano dall’espressione facciale di chi sorride, a prescindere dal fatto che il sorriso sia sincero e spontaneo oppure finto e forzato.

Non solo. Una ricerca della Pennsylvania State University sostiene che chi sorride viene percepito non solo come più piacevole e simpatico, ma anche più competente. Jessica Pryce-Jones, autrice di ‘Happiness at Work’, fa notare come la stretta correlazione tra sorriso e produttività al lavoro si traducano in alti livelli di energia e prestazioni, quindi promozioni più veloci. Niente male, vero?

Sorridere, tuttavia, è un’azione che accende i riflettori sulle labbra. Che possono essere perfette, quanto a proporzioni e turgore, oppure asimmetriche, segnate e con la superficie un po’ ruvida.  

Obiettivo cura
Nell’immaginario le labbra perfette coincidono con una superficie liscia, turgida ed elastica. Purtroppo, proprio per la mancanza dello strato corneo del vermiglio che ne accelera la disidratazione e la perdita di elasticità, le labbra sono le prime a segnare l’incedere del tempo.

In medicina estetica, se l’obiettivo è solo un refreshing che non modifichi forma e volume delle labbra, si ricorre a trattamenti che curano la pelle stimolando i meccanismi che la mantengono sana, idratata e vitale nel tempo. Per farlo si usano particolari formulazioni molto fluide di acido ialuronico che, iniettate nel vermiglio, fanno riacquistare alle labbra un leggero turgore, riducono grinze e rugosità superficiali, lasciando un seducente effetto ‘gloss’ che migliora nel tempo.

A casa, però, si deve continuare la cura con una strategia cosmetica, a base di emollienti e protettivi quotidiani e scrub leviganti settimanali.

Due-tre volte la settimana è d’obbligo Lip Loofah di Apa Beauty.
Si tratta di uno scrub specifico per la zona labiale, formulato con zucchero e semi di mandorla dolce, in grado di levigare in modo delicato, mentre olio di jojoba, burro di karité e scorza d'arancia idratano e nutrono.
Nell’applicazione svolge un ruolo importante il massaggio. Massaggiando il prodotto, delicatamente e con movimenti circolari, sia sul vermiglio che sulla zona periorale, si riattiva la circolazione, quindi l’ossigenazione e il nutrimento dei tessuti. Per garantirsi l’effetto, le sere in cui non si effettua lo scrub, si può massaggiare le labbra (sempre molto delicatamente) con uno spazzolino da denti morbido asciutto.

Un trattamento ideale per prevenire screpolature e ottimo come base per il rossetto, in quanto agevola il fissaggio della texture è
Perfect Lips di 3LAB: specificatamente formulato per promuovere un’idratazione profonda e una buona protezione da screpolature. Con cellule staminali vegetali derivanti dalla mela e il complesso tecnologico cosmetico Nano-Claire GY™, le labbra vengono nutrite e rivitalizzate.

Il trascorrere del tempo modifica volume, forma e turgore delle labbra, anche se esistono inestetismi che non dipendono dall’età. Ne sono un esempio labbra geneticamente troppo sottili o poco disegnate che la medicina può correggere e migliorare, pur rispettando proporzioni e armonia del viso. In caso di labbra  svuotate e raggrinzite, per garantire la massima naturalezza, oggi si utilizzano speciali filler a base di acidi ialuronici con un’estrema duttilità. Appena iniettati nel vermiglio, formano un strato coeso, elastico e flessibile, che asseconda perfettamente la mimica labiale.
Ma anche semplici esercizi di ginnastica facciale possono aiutare a prevenire la comparsa dei segni dell'invecchiamento, rendendo più tonici i tessuti e minimizzando le rughette della zona periorale.

  • Fate un ampio sorriso e mettete gl’indici verticali agli angoli della bocca. Mentre le dita tirano in fuori, cercate di riunire le labbra in un bacio. Eseguite l’esercizio velocemente per una quindicina di volte e poi mantenete le labbra a sorriso e a bacio per qualche secondo.
  • Poggiate le mani ai lati della bocca e tirate la pelle verso l’esterno per una decina di volte.
  • Con la bocca aperta, “avvolgete” le labbra, superiore ed inferiore, attorno alle rispettive arcate dentali. Ripetete prima velocemente, poi mantenete la posizione per alcuni istanti. Potete aumentare la resistenza mettendo il dito indice sotto la punta del naso, ma in entrambi gli esercizi l’uso delle mani non è obbligatorio………questo fa sì che possiate eseguirli ovunque: in ufficio, in casa e anche in auto, magari mentre andate al lavoro, dato che non è facile ritagliarsi 10/15 minuti al giorno per farli. E se un automobilista vicino dovesse notarvi, strizzate l’occhio e fategli un bel sorriso!

Ma lo sapevate che oltre alla ginnastica facciale esiste anche lo yoga facciale? La differenza tra le due sta nel lavoro che viene richiesto ai muscoli: la prima è un'attività isotonica, ovvero si contraggono e si rilasciano i muscoli, la seconda è isometrica, ovvero si tengono i muscoli contratti mantenendo a lungo la posizione.
Ecco un esercizio yoga utilissimo per il famoso “codice a barre”:

  • Infilate la punta degli indici negli angoli della bocca e cercate di allargare le labbra mentre vi opponete con forza.
  • Eseguite lo stesso esercizio, solo sul labbro inferiore e poi su quello superiore.

Ricordiamoci inoltre che l’abituale atto di spalmare la crema viso può trasformarsi in un utilissimo massaggio nella zona incriminata: poggiate i polpastrelli di indice e medio, di ciascuna mano, sulla parte esterna delle labbra, spingendo la pelle verso l'alto. Massaggiate poi con movimenti circolari spingendo verso l'alto tutto il contorno labbra.
Picchiettare e pizzicottare il labbro inferiore verso il basso e quello superiore verso l’alto nell’applicare un siero. Come già detto, questo stimola la circolazione e le labbra sembreranno più piene e il contorno più delineato.

“Stira” le fastidiose rughette con un trattamento mirato. L'incredibile Lip Serum di Verso Skincare stimola i fibroblasti pigri alla produzione di collagene ed è la cura perfetta per la delicata zona labbiale spesso trascurata e dimenticata. Basa la sua efficacia sulla presenza del Retinolo 8, un complesso stabilizzato di vitamina A, otto volte più efficace del normale retinolo. L'effetto ringiovanente è dato dalla stimolazione alla produzione di collagene e dalla presenza di sostanze in grado di ammorbidire e idratare le labbra, donando loro volume e turgore. L’utilizzo costante previene e riduce le rughe sottili, ridonando alla pelle ossigeno e luminosità.


Lip Serum di Verso Skincare è da considerarsi un vero e proprio trattamento anti age studiato per le labbra e il suo contorno. Corregge piccole rughette e macchie scure questo grazie al Retinolo8 contenuto: basta applicarlo mattina e sera con delicati movimenti circolari direttamente sul vermiglio e in tutta la zona circostante.


Ogni volta che sentite la necessità di dare idratazione alle vostre labbra: Lush Lip Balm di Apa Beauty è un balsamo studiato per assolvere ai bisogni di labbra soggette a secchezza e desquamazione. L’inedita formula ricca di burro di karité, olio di mandorle dolci e di jojoba, ricchi in vitamine e antiossidanti, conferisce idratazione a lunga durata, mentre assicura labbra lisce, elastiche e sensuali.

Volete regalare un look colorato e vivace alle vostre labbra, mentre le state curando?
Nuori propone un balsamo in due delicate colorazioni il Lip Treat (New York/Copenhagen), una versione amaranto-ciliegia e una beige “nude”: vestìte con un delicato colore le vostre labbra mentre un mix di mandorla dolce e olio di albicocca uniti ad olio di avocado, burro di karitè e di cacao le nutrono e le ammorbidiscono.

Mai più labbra secche e disidratate!!!


Cura le tue labbra con i LIP TREAT di NUORI: una formula di attivi naturali e idratanti. Oli di mandorle dolci e di albicocche lavorano insieme al burro di karitè, all'avocado e al burro di cacao per nutrire e ammorbidire le labbra secche e disidratate. Un mix di bacche e cera d'api le proteggono e le mantengono morbide. Disponibile in 2 tonalità (amaranto-ciliegia e beige nude) e trasparente.