Un nuovo taglio o un’inedita sfumatura cromatica non potrà mai sortire l’effetto estetico desiderato se (a monte) i capelli non sono sani. I loro inestetismi, come perdita di volume o aridità, fragilità o caduta, condizionano inevitabilmente la loro bellezza.

All’apice delle preoccupazioni, sicuramente la caduta eccessiva, nonostante sappiamo che nei cambi di stagione, in primavera ma soprattutto in autunno, le chiome sono soggette a un continuo ricambio. Un retaggio biologico ancestrale, simile alla muta dei mammiferi, che non deve preoccupare. Di norma si perdono fino a 50 capelli al giorno, quando invece in autunno si arriva a 70-100. Se, però, il numero aumenta, arrivando a 400-500 unità, o la perdita continua anche in inverno o in estate, siamo di fronte a una caduta eccessiva che merita l’attenzione del dermatologo.

L’aumento fisiologico della caduta aumenta in autunno in seguito alla massiccia azione dei radicali liberi (dovuto principalmente all’irraggiamento del sole) durante i mesi estivi. È il motivo per cui in estate si suggerisce di proteggere capelli e, soprattutto, cuoio capelluto, con un capello.

Il fusto del capello è invece più esposto a disidratazione e inaridimento causati da sole, sabbia, sale del mare, cloro delle piscine, lavaggi frequenti. Tutto ciò contribuisce ad accelerarne l’invecchiamento. 

Non va (ahimè) dimenticato che anche i capelli invecchiano. A cinquant’anni sono infatti meno resistenti e voluminosi che a venti, e che per questo si deve iniziare a proteggerne il “capitale giovinezza” proprio quando si è giovani.

Anche i modi di asciugarli fanno la differenza. L'uso più frequente del phon o della piastra, una minore attenzione nell'uso del diffusore possono contribuire a stressarli. E la perdita di coesione del fusto e delle sostanze lipidiche di difesa, rendono il capello secco e spento, bruciato e con doppie punte

Nel telogen effluvium, ossia in caso di un’abbondante caduta di capelli che, a differenza dell’alopecia (perdita patologica dei capelli), sono tuttavia sani, sono coinvolti tre importanti minerali, ferro, zinco e magnesio. La loro riduzione, infatti, provoca una mancanza di ossigeno, quindi d’energia a livello del follicolo pilifero, che rallenta la produzione di cheratina e proteine.

Come rimediare?

Oltre a una dieta bilanciata, varia e ricca dei nutrienti fondamentali, tra cui i sali minerali essenziali, può giovare assumere (per un periodo di almeno 3 mesi) integratori ricchi di cisteina, l’aminoacido cardine nella produzione della cheratina di capelli e unghie.

Keralen di Farmacia Legnani è un integratore alimentare, con cheratina, ferro, zinco e rame, ricostituente naturale per unghie, cuoio capelluto e capelli. La formula contiene diversi aminoacidi, ma è particolarmente ricca di un amminoacido solforato, la cisteina, riserva naturale di zolfo. E mentre lo zinco rende i capelli più forti e resistenti, incentivandone la ricrescita, il rame contribuisce alla loro normale pigmentazione.  

Come deve essere lo shampoo? Poco schiumogeno, il più possibile neutro e, magari, con sostanze naturali calmanti, tra cui camomilla o malva. Anche la quantità è importante: è sufficiente una noce di prodotto che va miscelato con l’acqua, prima di distribuirlo sulla cute. Importantissimo un risciacquo abbondante, per togliere residui di detergente e impurità, usando un conditioner nutritivo oppure oleoso, a seconda del grado di secchezza del capello e della sua consistenza, fine o grosso.

Detox Shampoo di Grown Alchemist. Al cuore della formula, un mix di sostanze nutritive disintossicanti, che libera capelli e cuoio capelluto da inquinamento atmosferico e radicali liberi generati da luce e sole. Invece le proteine idrolizzate della seta formano una barriera protettiva dagli inquinanti ambientali mentre gli antiossidanti, ad esempio quelli derivati dal pepe nero oppure il licopene del pomodoro rinforzano i capelli dai radicali liberi, mentre sostante anti-infiammatorie come gli azuleni derivati dalla camomilla, preservano dall’azione nefasta degli inquinanti ambientali. Perfetto per l'uso quotidiano, deterge con efficacia senza sfibrare i capelli, lasciandoli puliti e lucenti

Detox Conditioner di Grown Alchemist è il completamento ideale e sinergico dell’omonimo shampoo, perfetto per l'uso quotidiano, che districa e ammorbidisce i capelli. Nella formula, proteine idrolizzate della seta, che proteggono il fusto del capello, sostanze nutritive derivate dall’olivello spinoso e antiossidanti, ricavati dall’olio di amaranto (tocoferoli, generalmente indicati come vitamina E), detossinano i capelli da inquinanti ambientali e  radicali liberi. Una formula prodigiosa grazia anche alla presenza di liposomi vegetali che fungono dai veicolanti naturali: si attivano nello strato esterno del fusto del capello e incentivano la penetrazione dei principi attivi.

Infine, sono appena arrivati i prodotti per capelli di NUORI… assolutamente da provare: shampoo, conditioner e spray. Non perdeteveli!