Più del 50% della popolazione (di cui il 60% donne e il restante uomini) è convinto d’averla sensibile, ma solo il 10-15% ne è realmente affetto. La ‘pelle sensibile’, definizione che non trova concordi dermatologi e pubblico, è discussa anche tra gli stessi studiosi. Certo è che reagisce a tutto e sopporta poco. Vari i tipi di sensibilità. Ereditaria (riguardante dal 5% al 10% delle cuti sensibili) con vulnerabilità genetica, acquisita (che concerne il 30% delle pelli sensibili), ossia diventata intollerante a causa di fattori esterni o interni che diminuiscono la capacità d’adattamento della pelle e il ruolo di barriera naturale favorendo la penetrazione d’agenti irritanti, infine idiopatica, cioè senza una causa specifica e identificabile. Tra i fattori di reattività, gli intrinseci dovuti al tipo di pelle, secondo cui le secche sono più esposte, il fototipo, con quelli chiari (I e II) più a rischio, l’età, bambini e anziani sono più delicati, poi fragilità psicologiche, ormonali o patologie dermatologiche, come la dermatite seborroica o atopica, l’ictiosi o la rosacea. Tra i fattori esterni: gli sbalzi di temperatura, sostanze come alcol, tè e caffè, acque ‘dure’ (con elevate concentrazioni di calcio e magnesio), ingredienti irritanti, come tensioattivi aggressivi, retinoidi, acido lattico o alfaidrossiacidi. Conta poi anche la professione: l’esposizione ripetuta a solventi, detergenti, acqua, o sfregamenti ripetuti, altera la barriera di difesa. La diagnosi è basata su test semplici come lo ‘stinging test’, in cui si spennella il solco naso-genieno con un batuffolo imbevuto d’acido lattico in soluzione acquosa al 5% (se l'arrossamento è intenso e veloce la pelle è considerata sensibile) e da misurazioni con strumentazioni non evasive (come analisi d’immagine, microscopia confocale) che valutano funzioni come la perdita d’acqua transdermica.

Meccanismi di reazione
Sono ancora poco conosciuti e svariati, innescando la reazione in sinergia o singolarmente.
-    Alterazione della barriera. La pelle, sottoposta quotidianamente a fattori stressanti, si modifica: la funzione protettiva si altera, provocando disturbi della permeabilità cutanea e del microcircolo, e la soglia di tolleranza si abbassa. Così alterato, il tessuto cutaneo favorisce la penetrazione di fattori irritanti che scatenano la liberazione di mediatori dell'infiammazione.
-    Disordine vascolare. A livello del derma un'irritazione anche piccola può provocare alterazioni vascolari che possono portare a un'infiltrazione leucocitaria o un edema, così come una risposta infiammatoria.
-    Fenomeni neurologici. La liberazione di neurotrasmettitori, come la sostanza P (implicata nella modulazione del dolore) è attivata dagli agenti irritanti o da mediatori immunologici o infiammatori (tra cui l’istamina), che contribuiscono all'aumento della risposta infiammatoria a livello epidermico.


Da sensibile ad allergica
La sensibilità si manifesta con sintomi soggettivi e oggettivi: primi sono neurosensoriali, come pruriti, stiramenti, pizzicori, bruciori, i secondi riguardano secchezza, rossore diffuso, desquamazione.
Sensibile. La pelle diventa reattiva sotto l'effetto cumulativo di fattori aggressivi che si manifestano con sintomi soggettivi. È un fenomeno che può apparire in qualsiasi momento della vita, a prescindere dalla tipologia di pelle. Può derivare da patologie cutanee manifeste, come rosacea, dermatite atopica o seborroica, o precedenti, tra cui le ustioni solari. Infine può presentarsi su pelli a tendenza secca, come quelle con un’alta desquamazione e TEWL (Trans-Epidermal Water Loss, ovvero perdita di acqua attraverso l’epidermide), come pure con TEWL bassa, quindi cuti normali-miste ma facilmente irritabili.
Intollerante. Una cute diviene irritata se esposta quotidianamente a fattori stressanti, come ingredienti cosmetici o sostanze medicamentose. Clinicamente, si parla di dermatite irritativa da contatto, con sintomi che appaiono rapidamente, hanno durata variabile e possono ripresentarsi nel corso della giornata.
Allergica. L'allergia cutanea è una risposta anormale del sistema immunitario, dovuta a predisposizione (come nel caso di atopia) o sensibilizzazione da contatto ripetuto. Si caratterizza con una reattività limitata a una sostanza chimica, o a una stessa famiglia di sostanze, si manifesta con eritemi, eruzioni cutanee, eczema, e si associa sempre al prurito.

Hai la pelle sensibile? Nel tuo beauty case non deve mancare...

PURE BRILLIANCE
di Vestige Verdant un'efficace acqua detergente organica arricchita con micelle, note per rimuovere le impurità in efficacemente in profondità in modo molto delicato. Contiene ingredienti biologici, lascia la pelle pulita, fresca e preparata in modo ottimale per la cura successiva - al mattino e alla sera. Equilibrante e lenitiva un pioniere nella cura della pelle naturale. E’ un’acqua micellare adatta a tutti i tipi di pelle in particolare alla pelle sensibile, e per un uso quotidiano su viso, occhi e labbra.

VITAL FACIAL CREAM di Nuori è una crema viso leggera, che ridona vitalità, aiutando a prevenire e ridurre i primi segni di invecchiamento. Formulata con un mix unico di acido ialuronico, (in grado di penetrare a fondo nella pelle ripristinando i livelli di umidità naturale cutanea), di squalano botanico, di olio di jojoba e di mandorle dolci: garantito “nutrimento” della pelle che ritrova luminosità e compattezza. Inoltre un complesso di burro di karitè, vitamina C e vitamina E offre una protezione antiossidante. Si assorbe facilmente, ideale anche come base trucco.


Vital Facial Cream di Nuori è una crema dalla consistenza leggera, ma estremamente idratante, che ripristina la vitalità della pelle ed aiuta a prevenire e ridurre i segni d’invecchiamento. Perfetta per le pelli estremamente sensibili e che si arrossano facilmente.  

Picture by @kateonbeauty


LA POTION INFINIE di Argentum Apothecary è un trattamento contenente argento colloidale e DNA HP. Il primo è un antibiotico naturale dalle proprietà antibatteriche, antifungine e antinfiammatorie, mentre il DNA HP (acido deossiribonucleico iper polimerizzato) è un polimero di derivazione marina che idrata e rigenera la pelle a livello
E’ un ingrediente naturale che è stato estratto con metodi estremamente rigorosi per garantirne l'efficacia, la qualità e l’integrità molecolare. Le sue proprietà antiossidanti aiutano a rigenerare i tessuti combattendo i radicali liberi che distruggono il DNA nelle cellule umane.


La Potion Infinie è una crema anti-età ristrutturante formulata con Silver Hydrosol (argento colloidale), dalla spiccata azione antiossidante e anti-batterica, per promuovere la rigenerazione delle cellule della pelle. Inoltre DNA HP - un polimero di derivazione marina - burro di karitè, olio di mandorle dolci e vitamina E conferiscono a questa formula “dissetante” la sua consistenza lussuosamente morbida e nutriente.