I trent’anni sono il periodo in cui conviene prendere sul serio la propria pelle. La beauty routine diventa una necessità quotidiana, anche se i cosmetici rendono tutti più gradevole. È il momento in cui lo stress comincia a farsi sentire, così come gli ormoni, primo fra tutti quello della crescita, inizia lentamente a calare. Ergo la pelle impiega un po’ più tempo a rigenerarsi rispetto a una cute di venti anni.

A trenta si possono anche notare gli esiti di un’acne pregressa, sotto forma di piccole cicatrici, oppure di discromie, dovute alla terapia ormonale o ai raggi solari. Ed è da questo momento che fanno capolino le prime rughe di espressione

E se a venti è facile inciampare in errori che danneggiano la pelle, cercando di costruirsi la propria personalità, il passaggio dei trenta è il momento ideale per crearsi buone abitudini da portare con sé negli anni a venire. La lotta contro i segni dell'invecchiamento dovrebbe infatti iniziare prima di vedere le rughe. In ogni caso siamo assolutamente in tempo: le scelte circa cosmetici e stile di vita fatte oggi determineranno l'aspetto della pelle tra 10, 20 e 30 anni, quando la giovinezza non lavorerà più al nostro fianco.

Ecco quindi sette semplici suggerimenti per preservare la bellezza.

#1 Differenzia la beauty routine giorno e notte

Durante il giorno la pelle è esposta ai raggi UV e ai fattori di stress ambientale che accelerano il suo invecchiamento, mentre di notte la cute entra in modalità di riparazione, per recuperare i danni diurni. La crema da giorno deve contenere filtri solari, SPF 30 in primavera e 50 in estate oppure in montagna, così da dissipare l’energia delle radiazioni solari. In pieno inverno, invece, si può optare per una formula più nutriente, per difendere la pelle da freddo e vento, anche priva di schermi solari, per non privare l’organismo dei benefici della luce.

Crème Solaire Visage SPF50 di Mimitika protegge viso, collo e décolleté da UVA e UVB, favorendo un abbronzatura uniforme. Nella formula un estratto da un’alga bruna marina, la Undaria Pinnatifida, che stimola la produzione di melanina, poi attivi idratanti e vitamina E antiossidante. Una consistenza morbida e leggera, che non lascia i tipici residui bianchi delle creme solari ad alta protezione, che quindi può essere usata anche per una passeggiata in città.

Recenti studi dimostrano che a danneggiare la pelle non solo le radiazioni UV, ma anche gli infrarossi del sole, quindi il calore termico, e la luce visibile. Insieme a UVA e UVB scatenano un'infiammazione cronica che può portare a invecchiamento prematuro e tumori cutanei. Per ovviare è importante usare sempre antiossidanti topici (oltre a una dieta ricca di sostanze antiossidanti provenienti da vegetali e frutti) in grado di sostenere le difese naturali.

Daily Facial Fluid di Verso è una crema da giorno leggera e idratante che conferisce radiosità e splendore. È formulata con Retinolo 8, niacinamide (vitamina B3), che riduce rossori e macchie,  inibendo il processo di glicazione, responsabile dell’ingiallimento della pelle. Infine curcuma che, grazie alle sue spiccate proprietà antinfiammatorie, contrasta gli effetti dei radicali liberi e rallenta i processi di invecchiamento.

Invece la routine notturna deve puntare a sostenere e incentivare la rigenerazione cellulare. Quindi, a seconda del grado di secchezza della pelle, è meglio utilizzare creme più ‘morbide’, oli inclusi, e una sostanza ‘magica’ per la rigenerazione, il retinolo. I cosmetici con retinolo nano-incapsulato e stabilizzato stimolano la produzione di collagene, migliorando tono e consistenza, mentre preservano l’uniformità dell’incarnato.

Retinyl + Frankincense Restorative Oil Serum di Vis Viva è un siero in olio contenente resina d’incenso, ricca di acido boswellico, che lenisce la pelle e mantiene l’incarnato uniforme e luminoso. Il palmitato di retinile (vitamina A), affina la texture minimizzando linee sottili e rughe, mentre il colesterolo sostiene la barriera cutanea, prevenendo disidratazione e danni dovuti a inquinamento atmosferico e sbalzi termici.

#2 Considera il contorno occhi parte della cura quitidiana

Il motivo? La sua anatomia e fisiologia: la pelle di questa zona, infatti, è povera di ghiandole sebacee, quindi di lipidi che mantengono l’idratazione. In più è soggetta a migliaia di contrazioni continue, dovute alla mimica dei muscoli periorbitali. Le creme, comunque, non vanno applicate vicino alle ciglia, bensì sull’osso zigomatico, proseguendo verso la parte laterale e subito sotto il sopracciglio. Così si evita il rischio che il prodotto entri nell’occhio, causando irritazioni e gonfiore.

Kit Contorno Occhi di Wrinkles Schminkles sono patch in silicone di grado medicale ideati per l’area degli occhi. Utilizzati mentre si dorme, la pelle viene mantenuta tesa, così da non assumere pieghe o ‘posture’ che a lungo andare portano alla formazione della ruga. In più, il microclima creato dal silicone adeso alla cute stimola la formazione di nuovo collagene. Attenua visibilmente le rughe, regalando uno sguardo fresco e riposato.

#3 Utilizza il make-up come difesa

Sfatiamo un mito: il trucco non è un semplice belletto, ma un cosmetico trattante in grado di creare un’ulteriore barriera a inquinamento e raggi solari. Sicuramente va scelto in base alle condizioni della propria pelle e alla stagione, fungendo anche da scudo contro la disidratazione.

#4 Rimuovi il trucco ogni sera

Per sfruttare solo i benefici del make-up è essenziale rimuoverlo tutte le sere. È comprensibile che qualche volta sia difficile, ma l’eccezione non deve diventare una regola. Proprio come lavarsi i denti, usando il filo interdentale, detergersi è un passaggio necessario. In presenza di trucco, meglio usare una doppia detersione, altrimenti può bastare un detergente schiumogeno ma delicato, specialmente andando verso l’inverno.

#5 Comincia ad usare un esfoliante

Entrando nella decade degli ‘enta’, i trent’anni, è importante iniziare a sostenere la rigenerazione cellulare dell’epidermide. Che è perfetta a venti anni, mentre poi comincia a rallentare: le cellule nuove faticano di più a rimpiazzare quelle devitalizzate che formano lo strato corneo. Un fenomeno responsabile di pelle grigia, ruvida e ‘spenta’.

#6 Mangia bene e modera l’alcol

Bere un drink in compagnia è piacevole, ma quando l’abitudine diviene quotidiana o si alza un po’ troppo il gomito durante i fine settimana, la pelle ne soffre, oltre al fegato, principale organo incaricato di smaltire le tossine. Praticare un consumo moderato, accompagnato da un uguale introito di acqua, contribuisce a frenare alcuni degli effetti negativi dell'alcol sulla pelle, primo fra tutti la disidratazione. Inoltre, fai il pieno di antiossidanti, mangiando verdure e frutta ogni giorno. E, in caso, di vita sregolata e ritmi intensi, si può giocare la carta dell’integrazione.

AmbroGreens di Ambronite: ne bastano 7 grammi (un cucchiaio) in un bicchiere con 200-250 millilitri (di acqua o la bevanda desiderata) per assicurarsi una porzione completa di verdura e frutta. Si tratta di un integratore con ingredienti naturali, come frutti di bosco, erbe e ortaggi. Facile e veloce da usare, migliora la digestione e la salute dell'intestino, aiutando a diminuire il senso di fame e l'aumento di peso.

#7 Dormi bene e (possibilmente) di schiena

Dormire a sufficienza è essenziale per il turgore della pelle: dopo i vent’anni rallenta la produzione di collagene dell’1% ogni anno. Oggi trattamenti medico estetici, tra cui micrineedling o lievi resurfacing con il laser, sono in grado di incentivarne la produzione, ma molto si può fare anche solo ripristinando un adeguato monte ore di sonno. Mentre si dorme, infatti, la pelle può dedicarsi a rispristinare i danni subiti, auto-rigenerandosi. Se, poi, si riesce a dormire sulla schiena, si raggiunge il massimo. La posizione supina, in cui il corpo è sdraiato a pancia in su, evita che la pelle del viso sia compressa sul cuscino. Con il passare degli anni, dormire di lato o a faccia in giù, incentiva la comparsa di linee sulle guance e disidratazione. E, se proprio vogliamo esagerare, si può sostituire la fodera in cotone con una di seta. Buon riposo.